posizione della mandibola

Posizione della mandibola: riscontro millimetrico con la tecnologia digitale

Una errata posizione della mandibola o della mascella può portare a una disfunzione dell’apparato masticatorio e di conseguenza all’insorgere di alcuni sintomi tra cui:

  • dolori nell’aprire e chiudere la bocca;
  • schiocco delle articolazioni temporo-mandibolari;
  • mal di testa;
  • dolore all’altezza dell’orecchio;
  • fastidio durante la masticazione.

Le cause di un’errata occlusione

Purtroppo i problemi relativi ad un errato posizionamento della mandibola sono spesso sottovalutati dai pazienti, che si rivolgono all’odontoiatra solo quando i sintomi sono molto evidenti e dolorosi.

Le cause che portano a una disfunzione dell’apparato masticatorio possono essere diverse, le principali sono:

caffeina e parodontite

Prima di qualunque intervento di tipo ortodontico o protesico, per risolvere un problema di disfunzione masticatoria, è fondamentale individuare l’esatta occlusione del paziente.

Rilevazione digitale della posizione della mandibola

Per determinare la posizione statica e dinamica della mandibola si può procedere con la metodologia classica, ossia attraverso l’utilizzo dell’arco facciale e di un articolatore per rilevare e registrare le informazioni sulle condizioni articolari e occlusali del paziente.

Queste procedure sono state semplificate dall’introduzione di strumenti tecnologici all’avanguardia che possono rilevare la posizione della mandibola attraverso un arco facciale virtuale e il montaggio su un articolatore virtuale.

In una recente ricerca pubblicata sul Journal of Prosthetic Dentistry di giugno 2021 è stata valutata dai ricercatori una tecnica completamente digitale per valutare la posizione della mandibola.

La paziente presa in considerazione per lo studio era una donna di 25 anni che riferiva di sporadici rumori articolari.

Per rilevare l’esatta posizione mascellare e mandibolare è stato utilizzato un articolatore virtuale basato su immagini ottenute con una tomografia computerizzata a fascio conico singolo e l’ausilio di uno scanner intraorale.

Si tratta di un approccio completamente digitale per valutare con precisione millimetrica la posizione della mandibola e della mascella nel paziente, una tecnica che semplifica le operazioni di diagnosi e restituisce risultati molto più precisi di un approccio tradizionale.