canini inclusi dentista milano

Canini inclusi: l’importanza della pianificazione del trattamento

I canini per via della loro posizione in arcata hanno un ruolo fondamentale per l’estetica del sorriso, un problema di canini inclusi potrebbe dunque compromettere non solo gli aspetti funzionali della masticazione, ma anche l’autostima e la socialità del paziente.

Canini inclusi: incidenza e complicazioni

L’incidenza della presenza di denti canini inclusi nella popolazione è compresa tra l’1 e il 3,5%. I canini sono i secondi denti permanenti più comunemente inclusi dopo i terzi molari, comunemente chiamati denti del giudizio.

La presenza di canini inclusi può portare a complicazioni e all’insorgere di altre patologie, un paziente che presenta l’inclusione dei canini in arcata potrà infatti andare incontro a:

punti di sutura chirurgia orale
  • riassorbimento degli incisivi adiacenti;
  • sviluppo di cisti.

Trattamento odontoiatrico per il canino incluso

Il trattamento odontoiatrico per la cura dei canini inclusi deve garantire alcune condizioni per la salvaguardia dei denti adiacenti e dei tessuti parodontali.

Per questo motivo il trattamento dei denti inclusi dovrebbe avere un approccio multidisciplinare che coinvolga sia l’ortodontista che il chirurgo.

Le fasi per il trattamento di un canino incluso potrebbero essere le seguenti:

  • osservazione clinica;
  • trattamento intercettivo;
  • estrusione ortodontica;
  • raddrizzamento chirurgico del dente incluso:
  • estrazione del dente.

L’importanza della pianificazione dell’intervento


Sul Journal of the American Dental Association di novembre 2021 è stata pubblicata una ricerca in cui gli autori hanno confrontato i diversi metodi di trattamento e i loro risultati per i canini mascellari e mandibolari inclusi.

Il campione analizzato era composto da 102 pazienti con 118 canini inclusi, 82 mascellari e 36 mandibolari.

La diagnosi di canino incluso è stata confermata durante l’esame clinico e su radiografie (panoramica, CBCT) in tutti i pazienti.

Le seguenti opzioni di trattamento sono state scelte dopo l’analisi clinica e radiografica:

  • trattamento intercettivo compresa l’estrazione di un canino primario e di un’apertura dello spazio ortodontico con apparecchi fissi;
  • estrusione ortodontica;
  • estrazione del dente.

L’estrusione ortodontica è risultato essere il trattamento più frequentemente eseguito.

Tutti i metodi di trattamento si sono rivelati efficaci e il tasso di successo risulta essere complessivamente elevato, ma è altrettanto stata resa evidente l’importanza della pianificazione di ogni singola fase del trattamento: dall’osservazione clinica fino all’estrusione ortodontica.

La diagnosi precoce è fondamentale per facilitare la spontanea eruzione dei canini e l’attuazione tempestiva del trapianto transalveolare.