norme igieniche

Norme igieniche nei centri odontoiatrici: primato italiano

Avere la certezza che in un centro odontoiatrico si rispettino tutte le norme igieniche e sanitarie è per i pazienti garanzia di tutela della propria salute anche se a volte si dà per scontato che non ci sia alcun rischio legato alla sterilità degli ambienti e delle attrezzature.

Quando si sceglie un centro odontoiatrico per la cura dei denti spesso si sottovaluta la questione legata alle norme igienico sanitarie, ossia tutte quelle pratiche di pulizia, sterilizzazione degli strumenti, disinfezione degli ambienti di lavoro che garantiscono la possibilità di operare in un ambiente sano senza complicazioni per la salute del paziente.

In Italia le norme igienico sanitarie non sono a discrezione dei singoli centri odontoiatrici, esistono infatti delle normative in merito molto severe e non presenti in altri Paesi d’Europa. Tuttavia, non sempre i certificati esposti in uno studio medico sono sinonimo di accuratezza nel rispetto delle procedure necessarie a operare in un ambiente sterilizzato e sicuro.

Norme igieniche quali sono le procedure

L’evidenza del rispetto delle norme igienico sanitaria emerge da una serie di procedure, alcune possono essere notate e valutate dallo stesso paziente.

Quando siete seduti sulla poltrona dell’odontoiatra fate caso a quesi piccoli gesti che sembrano scontati, ma fanno parte dell’insieme delle procedure che garantiscono al paziente la massima sicurezza:

  • l’odontoiatra apre le buste con gli strumenti sterilizzati monouso;
  • gli strumenti sono posizionati su appositi vassoi;
  • il materiale monouso viene cestinato in raccoglitori appositi;
  • l’equipe indossa camice, guanti e mascherina durante l’intervento.

Per interventi chirurgici in cui è probabile che si verifichi del sanguinamento, verranno utilizzati appositi teli monouso.

norme igieniche

Tutte le superfici con cui l’odontoiatra viene a contatto, sono fatte di materiali tali da poter essere facilmente disinfettati con apposite soluzioni non tossiche per il paziente.

Strumenti sterilizzati

Uno dei principali investimenti in un centro odontoiatrico è costituito dall’acquisto di strumentazioni utili a garantire qualità e sicurezza per il paziente. Dagli strumenti per la diagnostica a quelli per il rispetto delle norme igieniche come le apposite apparecchiature per la sterilizzazione.

 

norme igieniche dentista milano

 

Manipoli, turbine, pinze, specchietti sono gli attrezzi del mestiere di un odontoiatra e sono sempre a diretto contatto con la bocca del paziente. La sterilizzazione di questi strumenti serve appunto a eliminare tutti gli eventuali batteri presenti.

La procedura è molto rigida e prevede:

  • la decontaminazione degli strumenti con apposite soluzioni chimiche;
  • il risciacquo e l’asciugatura;
  • l’imbustamento e la sigillatura;
  • la sterilizzazione nelle apposite macchine.

Le apparecchiature per la sterilizzazione devono essere periodicamente sottoposte a revisione per poter garantire sempre la totale sicurezza del paziente.

Alcuni batteri sono molto resistenti e la pulizia apparente degli strumenti non è garanzia di sterilità.

Cosa si rischia con il mancato rispetto delle norme igieniche?

In Italia per fortuna i protocolli igienico sanitari e la relativa normativa sono una vera garanzia per il paziente. In alcuni Paesi esteri invece, dove non esistono rigidi controlli, il mancato rispetto delle norme igienico sanitarie può dare origine a diverse complicanze.

Si potrebbe verificare un’infezione crociata che si verifica quando una patologia infettiva, dalla più lieve a quella più grave, si trasmette da paziente a paziente o da paziente a medico. In questo caso, oltre al protocollo sanitario, è bene avere anche da parte del paziente una coscienza etica e dunque dichiarare eventuali patologie infettive da cui è affetto prima di affrontare qualunque tipo di intervento odontoiatrico.